Alimentazione salentina: scoprirla in una giornata

Dalla colazione del mattino fino alla cena, ecco come scoprire la dieta tipica del Salento in un giorno di full immersion gastronomica.

Pronti a partire per il sud? Prenotato il vostro b&b con piscina in Salento? Anche il biglietto dell’aereo? Bene, preparatevi a scoprire le meraviglie del Sud-est! E non parlo solo delle coste trasparenti o della movida dei lidi. Un viaggio in Salento che si rispetti, infatti, prevede che si torni a casa con almeno 2-3 chili in più, frutto di una dieta gustosa e tutta da scoprire. E se vi va, potete farlo in sole 24 ore, certo, lasciando qualcosa per il giorno dopo.

Colazione

La pasticceria salentina è assolutamente degna di essere scoperta. Per cominciare al meglio la giornata, niente di meglio del tipico pasticciotto, dolce di pasta frolla e crema con cui darsi la giusta carica. E per accompagnare, concedetevi un caffè in ghiaccio con latte di mandorla, che in estate a Lecce è un vero e proprio stile di vita!

Merendina?

Arrivano le undici del mattino, lo stomaco inizia a gorgogliare: è l’ora di un buon rustico, una sfoglia ripiena di besciamella, mozzarella e pomodoro, perfetta per scandire la metà della mattinata.

Ora di pranzo!

E dopo una colazione abbondante e una ricca merenda, a pranzo potete optare per un menu vegetale. I prodotti della terra sono eccellenza della zona, figli di un retaggio contadino fortissimo in cui la carne era quasi del tutto assente. pranzo in agriturismo, quindi, a base di zucchine, fagiolini, melanzane, legumi e frutta di stagione. Ciciri e tria come prima portata (pasta fritta con ceci, una delizia) e un dolce di pasta di mandorla o uno spumone gelato per chiudere il pasto. Il tutto accompagnato dal fedelissimo Primitivo o da un Negroamaro, e l’olio extravergine d’oliva a impreziosire ogni portata.

E ora uno spuntino

Il mare mette fame, si sa. senza esagerare, si può sempre tenere a bada i morsi della fame con qualche tarallo, elemento tipico della Puglia, gustoso e perfetto per arginare le lamentele degli stomaci più esigenti. In alternativa, potete buttarvi su un delizioso pizzo con le olive piccante.

A cena, pesce

Siamo pur sempre su un paesaggio di mare, non potete rinunciare a una mangiata di pesce. Tipici del Salento sono soprattutto il pesce azzurro e i frutti di mare; assaggiate la scapece (un sapore forte e adatto a pochi) e accompagnate con un buon bianco. E se invece preferite i sapori della terra, non perdete l’occasione di assaggiare la pasta fatta in casa salentina (orecchiette al sugo con polpette e cacioricotta, non con le rape che sono tipiche del nord della Puglia) e una bella porzione di municeddhe, le lumache di terra che tanto sono apprezzate dai locali. Buon appetito!